Il dilemma della pecora intelligente

È rosso. Quella stramaledetta luce ci inchioda al marciapiede. D’un tratto il cervello, accortosi dell’assenza di movimento, riemerge dai pensieri nel quale si era placidamente immerso cullato dall’andatura regolare dell’abitudinario percorso verso l’ufficio. Scocciato: “Bè che succede? Perché non ci stiamo muovendo?”. ‘È rosso’. Una rapida occhiata a sinistra, una a destra (non si sa mai). “Ma non c’è nessuno! Andiamo!”. ‘È rosso’. “Per carità saranno sì e no tre metri!”. ‘È rosso’. Altri si affiancano, anch’essi paralizzati dalla calda luce. Uno scambio di sguardi, quasi a chiedere il da farsi, ma nulla. Tutto tace in un condiviso e consensuale … Continua a leggere Il dilemma della pecora intelligente

Reddito di Cittadinanza – un futuro strappato troppo presto.

Negli ultimi giorni ha fatto notizia l’affermazione di Salvini secondo la quale l’istituto del reddito di cittadinanza debba essere posto ad una accurata verifica in quanto oggetto di sotterfugi e frodi da parte degli italiani. Sembra quasi sia colpa del reddito di cittadinanza se gli italiani sono stronzi. Ad ogni modo, non sono qui per criticare l’indole un po’ birichina dell’italiano medio, bensì per spezzare una lancia a favore della “Nuova” istituzione in auge da qualche mese. Partiamo dalle basi. https://www.ilmessaggero.it/t/reddito-di-cittadinanza/ Che cos’è il reddito di cittadinanza? Come avete avuto modo di capire dalle varie trasmissioni televisive, dagli articoli di … Continua a leggere Reddito di Cittadinanza – un futuro strappato troppo presto.

I limiti della Libertà

La libertà è sopravvalutata. Lo dico sempre alla mia gatta quando all’aprirsi della porta di casa si avvicina all’uscio per guardare cosa c’è al di là della soglia. Il maschio invece quando ha la sventura di trovarsi in prossimità della porta in fase d’apertura tende a fuggire quasi stesse rischiando di andare incontro alla più grande disgrazia della sua vita. Forse non ha tutti i torti. “La libertà (…) non consiste nell’avere un buon padrone, ma nel non averne affatto”. A dirlo non è la mia gatta indossando una maglietta del Che, né il primo stolto che passa, bensì il … Continua a leggere I limiti della Libertà

Veleno, il podcast di Repubblica

E’ difficile non spoilerare quando hai davvero voglia di parlare di qualcosa, quando questo qualcosa ti ha preso così tanto che non faresti altro che parlarne a chiunque, condividerlo, lodarlo, affinché tutti possano conoscerlo, viverlo e farne un’esperienza propria. E’ con questi presupposti che oggi voglio parlavi di “Veleno” una serie podcast prodotta da Repubblica riguardante una delle più emblematiche vicende giudiziarie del nostro Paese: il caso dei pedofili della Bassa Modenese. Non spaventatevi, almeno non ora. La serie parla sì di pedofilia, ma, seppur ne sia indubbiamente una parte fondamentale, in quanto motivo d’origine da cui sono scaturiti tutti … Continua a leggere Veleno, il podcast di Repubblica

Tatuaggi: Social, Domande & Pregiudizi

https://www.corriere.it/salute/dermatologia/cards/tatuaggi-che-cosa-bisogna-sapere-prima-dopo-non-pentirsene/numeri-problemi_principale.shtml?cmpid=tbd_1f3141b3Dt Caro Dario il diario, nel secolo buio in cui ci troviamo, in questo nostro nuovo medioevo, alle soglie della terza decade del terzo millennio, in questo nuvoloso pomeriggio del sesto mese dell’anno voglio fermarmi a rispondere ad alcuni quesiti esistenziali che ancora oggi attanagliano le nostre anime: “Ma i tatuaggi fanno male? Ma i tatuati si drogano? Spacciano? Rubano? Sono tutti dei nullafacenti hipster?” Sì caro Dario il diario, siamo ancora a questo punto dell’evoluzione. Sembra essere uno scoglio insuperabile per la nostra coscienza. Questi folli con i loro marchi indelebili sulla pelle ancora camminano tra i puri d’epidermide, … Continua a leggere Tatuaggi: Social, Domande & Pregiudizi

Ciao Papà

Che cos’è la morte per chi rimane Se non il più grande dei quesiti? Non è forse vero che buona parte del dolore Non è altro che assenza di risposte? Dove sei? Dove sei andato? Perché tu? Perché a me? Perché non hai fatto nulla per evitarlo? Avresti potuto? Avrei potuto fare qualcosa? Che cosa? Perché non ho fatto niente? Come ho potuto non fare nulla? Ti ho mai detto di volerti bene? Te ne sei ricordato un attimo prima di andartene? Ti ricorderai di me? Ti ho dimostrato a sufficienza il mio affetto? Come stai? Cosa si prova a … Continua a leggere Ciao Papà

Trump & Huawei

https://www.corriere.it/tecnologia/19_maggio_24/huawei-trump-apre-pericolosi-ma-potrebbero-rientrare-un-intesa-la-cina-1d02a8dc-7df2-11e9-8696-ab199d13546c.shtml Trump blocca Huawei. Il motivo? Il colosso tecnologico cinese risulta essere un problema per la sicurezza degli americani: i dispositivi cinesi raccoglierebbero informazioni per il governo asiatico. Il che mi fa sorgere un enorme dilemma: quando uso un Huawei con Android i miei dati vanno a finire prima in Cina o negli USA? “Ok Google, pausa bagno”. Ora entrambi i governi sanno che a metà di questo post mi sono alzato per andare ad urinare. E’ il solito caso giuridico del bue che dà del cornuto all’asino. Caro amico arancione, ma tu hai mai usato un qualsiasi dispositivo Android … Continua a leggere Trump & Huawei

Albedo

In albedo di vita mia l’orbe stolto scelsi, il bagliore scemo seguii. Per dolori e rovi mi condusse sino a ripa di burrone. Quivi con li occhi all’aere rivolti serpeggiai danzante su ‘l confine, pascendo me stesso d’illusione, m’estasiai d’apparenza degli incuranti traumi disaccorto. Ma lo buon astro che d’esistenza mia si cura inciampar mi fe’ e lo capo il suol baciar. Tosto che li occhi apersi scorsi un orbe argenteo funger da specchio ad altro lume. Seppi allor quanto errato avessi, dei dolor m’accorsi, ma ad essi un maggior ne aggiunsi. Rivelatomi che la risorsa mia gettai, sconforto e … Continua a leggere Albedo

About me

Salve a tutti, dovrei cominciare dal nome, ma ho scelto di non rivelarlo, non per ora quanto meno. Comincerò dal soprannome dunque: K0, 0 come Zero, non come Otranto. Ho superato ormai da qualche anno la soglia dei trenta, ma quella dei quaranta è ancora lontana. Vivo a Milano. Ci sono anche nato a Milano, ma ho origini mediterranee, come molti “Milanesi” ormai. Lavoro da molti anni nel centro storico della città anche se l’augurio è quello di cambiare presto. Adoro gli animali, su tutti le capre e i gatti, ne ho due (gatti), un maschietto e una femminuccia. Due … Continua a leggere About me

Case Chiuse – 2019

Si chiamano case chiuse per via dell’obbligo a cui erano tenute: persiane e tende chiuse per motivi di ordine pubblico. Era il 1859. Ne è passata di acqua sotto i ponti. Così come di festini ad Arcore. Dopo 160 anni potremmo essere pronti a riparlarne. Dai che ce la facciamo. Dai che domani scopriamo anche il fuoco. Credo in noi. Riaprire le case chiuse. Al netto del gioco di parole bisogna chiedersi se può essere davvero una buona idea, senza pregiudizi morali, senza limitarsi a quel velo di apparenza sociale ormai spesso chilometri sotto il quale soffochiamo lentamente ogni giorno. … Continua a leggere Case Chiuse – 2019